Torna su
Rivalutazione dei beni di Impresa
Contattaci

Grazie alla conoscenza e all’esperienza dei nostri collaboratori qualificati, affianchiamo le aziende nel processo di rivalutazione dei beni d’impresa.

DI COSA SI TRATTA

La rivalutazione dei beni di Impresa permette di pagare un’imposta sostitutiva per affrancare fiscalmente il valore dei beni ammortizzabili.

L’articolo 110 del Decreto Agosto (D.L. 104/2020) ha riaperto i termini per rivalutare i beni d’impresa apportando, tuttavia, delle modifiche rispetto alla medesima disposizione contenuta nella Legge di bilancio 2020 (articolo 1, commi da 696 a 704, L. 160/2019), a costi decisamente ridotti.

In particolare, si estende il campo di applicazione anche alle società di persone e gli enti non commerciali.

L’articolo 110 del Decreto Agosto offre la possibilità di rivalutare i beni aziendali ai contribuenti che producono reddito d’impresa. Tale facoltà è concessa in relazione ai beni d’impresa materiali e immateriali e alle partecipazioni in società controllate e collegate ai sensi dell’articolo 2359 cod. civ. costituenti immobilizzazioni.

A CHI CI RIVOLGIAMO

La misura è rivolta a tutte quelle aziende interessate a procedere alla rivalutazione dei beni (società di capitali o persone) che hanno generalmente come obiettivo:

  • la patrimonializzazione dell’Impresa: a risentire positivamente di una eventuale rivalutazione è certamente l’attivo dello Stato Patrimoniale. Questo permetterà di avere maggiore credibilità nei confronti degli stakeholders e in particolar modo del sistema creditizio;
  • avere maggiori costi deducibili: incrementare il valore di un cespite significa anche incrementare gli ammortamenti e di conseguenza i costi deducibili. Con la rivalutazione si potrà beneficiare dunque di un risparmio fiscale;
  • la riduzione della sopravvenienza in caso di vendita: in caso di vendita del bene, averne aumentato il valore, consentirà di ridurre la plusvalenza. Di conseguenza, la tassazione sulla plusvalenza sarà minore.

LE NOSTRE ATTIVITÀ 

  • Sopralluogo e analisi preliminare degli asset selezionati dalla Società Cliente per la rivalutazione;
  • Redazione ed asseverazione di una perizia di stima per i beni rivalutabili da parte di un Consulente Tecnico di Parte iscritto ad apposito Albo
  • Redazione analisi dei beni e dossier tecnico
  • Elaborazione prospetto di sintesi per la determinazione del beneficio fiscale